E se fosse marmo?

Il fascino del marmo è senza tempo, l’eleganza, la sobrietà e perchè no la sfacciataggine lo rendono un elemento unico, imitato in ogni modo ma mai eguagliato. Ogni centimetro di marmo non sarà mai uguale all’altro, ogni blocco dalla quale uscirà una meravigliosa piastrella sarà sempre diverso dagli altri. Ma quali sono i pro e i contro di un pavimento in marmo?

Il primo vantaggio è sicuramente l’estetica, la superficie che sia lucida, opaca o bocciardata è senza dubbio unica nel suo genere e trasmette sensazioni difficilmente replicabili con altri materiali. Il marmo inoltre è facilmente personalizzabile, nei formati, nella struttura e nei decori con una infinità di combinazioni. Quando pensiamo al marmo la prima cosa che ci viene in mente è un ambiente molto classico ed elegante, ma non è sempre così, ci sono infatti delle pietre con dei colori molto attuali che vanno dal grigio all’antracite, passando per il tortora e il bianco candido.

Venendo ai contro il primo fattore che incide è sicuramente quello economico, il marmo ha sicuramente dei prezzi sensibilmente più alti rispetto ad altri materiali. L’inconveniente maggiore però è la sua delicatezza, essendo infatti un materiale poroso assorbe tutto ciò con cui entra in contatto, creando degli aloni o macchie poco piacevoli. Per contro è possibile trattare la superficie della pietra con idro/oleorepellenti che creano una barriera e la proteggono mantenendo inalterate le caratteristiche estetiche o dando degli effetti particolari. 

Ci sono una infinità di marmi e pietre provenienti da tutto il mondo e ognuna ha delle caratteristiche, tecniche e d estetiche. Si parte da quelli più conosciuti nel nostro paese come il travertino, con le sue innumerevoli tipologie, il carrara, la luserna, le pietre leccesi, e tutte le varie pietre che caratterizzano ogni zona, per arrivare alle ardesie e alle quarziti che pur non essendo di provenienza italiana sono molto diffuse, a pietre molto meno diffuse e conosciute.

L’ importante è informarsi sempre sulle caratteristiche della pietra o del marmo, scegliendo in base all’utilizzo che poi se ne farà.

Torna su